giornaleconfidenziale

Quotidiano italiano

POLITICA

Esa stringe tempi su nuovo Dg, verso 1 marzo insediamento Aschbacher** (2) – Libero Quotidiano


(Adnkronos) – Eletto lo scorso 17 dicembre dal Consiglio dell’Esa in sessione ristretta, Aschbacher è infatti già un Direttore Esa ed è alla guida il direttorato dell’Osservazione della Terra, uno dei più strategici dell’Agenzia. Non solo. Aschbacher è anche alla guida del centro Esrin di Frascati, in Italia, alle porte di Roma, ed è dunque un ‘manager spaziale’ di riconosciute competenze anche in ambito internazionale. Per Woerner questa é “una situazione unica”, dunque perché esitare su una transizione più rapida. Woerner ritiene strategica la durata della transizione anche per “le sue conseguenze interne ed esterne” come la governance della preparazione del prossimo “Consiglio dell’Esa a livello ministeriale” che si terrà nel 2022, o “i negoziati in sospeso con l’Ue” sul Financial Framework Partnership Agreement.

Per questo, il tempo che resta – da ora e fino all’1 marzo prossimo – sarà all’insegna “di una buona transizione” hanno assicurato oggi Woerner – che ha ringraziato “tutti per il supporto” al suo lavoro – e Aschbacher che è pronto ad approdare nel quartier generale di Parigi. E se Woerner chiude il suo mandato con “soddisfazione” e diversi goal al suo attivo, non meno nutrita è l’agenda che aspetta Aschbacher per il 2021. A partire dal programma Copernicus – che avrà un focus particolare – e fino alle “importantissime collaborazioni con la Nasa”, come ha sottolineato lo stesso Dg eletto in vista della nuova amministrazione Biden, a cominciare dalla missione Artemis per il ritorno alla Luna e sul nostro satellite naturale. Il “feeling in Esa” è che “il contributo europeo” alla nuova missione lunare della Nasa “non cambi” con Biden a capo della Casa Bianca.

Ma Artemis è solo uno dei capitoli che aspettano Aschbacher al suo insediamento a Parigi. Il nuovo Dg ha già detto che lavorerà per dare un ruolo più forte all’Europa nelle attività spaziali, poi dovrà annodare i fili tra Usa e Cina, affrontare le sfide del Climate Change e dell’Osservazione della Terra, ma quest’ultimo è un capitolo su cui Aschbacher ha già mostrato tutta la sua competenza. Nel nuovo anno e nuovo ruolo, Aschbacher dovrà affrontare anche l’orizzonte delle missioni su Marte con ExoMars 2022 e sostenere la New Space Economy europea. Con l’auspicio che il nuovo Dg austriaco porti a Parigi anche un ricordo del ponentino romano. (di Andreana d’Aquino)

LASCIA UNA RISPOSTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *